venerdì 2 ottobre 2015

ONE PIECE 802 - Nonne, manicure ed elefanti.

Salve a tutti GGini e bentrovati con il nostro appuntamento per commentare il capitolo settimanale. Quest'oggi ci troviamo a discutere del capitolo 802, capitolo che ha lasciato a bocca aperta più di un lettore, se non altro per le rivelazioni e i misteri che sono stati diradati. Se non avete ancora avuto modo o, per meglio dire, la fortuna di leggere il capitolo, vi basterà seguire questo link per aprire la versione del Devil's Fruit Site, la migliore in circolazione a nostro dire.

Partiamo subito parlando delle 2 cover: quella di Jump e la consueta color spread. Se a un primo impatto ci possono sembrare buttate lì, così a caso, in realtà sono state accuratamente scelte da Oda per inaugurare la "One-Piece Kabuki II", cioè una rappresentazione teatrale che inizierà in Giappone il prossimo 7 Ottobre e continuerà fino al 25 Novembre.


Infatti, come potete constatare, il Luffy di Jump ci era già stato anticipato e presentato durante una conferenza sulla produzione teatrale tenutasi questo Giugno.



Invece la cover del capitolo è una sorta di parallelismo con quelli che saranno i costumi adottati per la ciurma durante la rappresentazione. Parlando dello spettacolo, questo coprirà la storia dalle avventure all'Arcipelago Sabaody fino guerra di Marineford, anche se in maniera rivista. La Color Spread, quindi, ci ripropone parte della ciurma in kimono per omaggiare la celebrazione (sebbene mi domando perché Oda non abbia deciso di inserire la ciurma al completo).


Ma passiamo al vero e proprio capitolo.
 

Zan-zan-zaaaan!


Se l'ultima volta c'eravamo lasciati con la visione delle nuove taglie, oggi riprendiamo dalla navigazione nelle agitate acque del Nuovo Mondo. Qui ritroviamo la Going Grande Luffy bombardata da una superba grandinata tale da fare invidia a quella avvenuta qualche settimana fa a Napoli, la quale, ricorderete, ha visto anch'essa piovere pietre di ghiaccio in pieno mare. Il meteo del Nuovo Mondo quindi non è poi così distante da quello della realtà, anche se ovviamente nel manga di Eiichiro Oda è tutto ingigantito.

Come da consuetudine, ci ritroviamo quei simpatici siparietti comici che ci hanno sempre accompagnato nel viaggio tra un'isola e l'altra, sebbene questa volta a farvi da protagonisti vi sono i pirati del Barto Club che si sostituiscono ai Mugiwara tuttora assenti. 

Bartolomeo&ciurma si dimostrano preparatissimi e non esitano un istante a contattare la Nonna per qualche consiglio sulla navigazione (avere un navigatore a bordo è fuori moda). Come vi immaginate fisicamente questa nonnetta? Scrivetecelo nei commenti!


Kizaru conquisterà il mondo.
Ed eccoci catapulatati al Quartier Generale della Marina con il nostro Kizaru pienamente concentrato nel suo lavoro. Con la completa attenzione dell'ammiraglio, gli ufficiali ci raccontano delle avventure di Edward Weevil, il terribile, quanto spaventoso, membro della Flotta dei 7 che na sta combiando una dietro l'altra. Il giovincello da 480 milioni di Berry, infatti, ha preso di mira la ciurma e gli alleati di Barbabianca per compiere una sorta di vendetta: vuole fargliela pagare perché hanno osato considerarsi suoi figli, in quanto sarebbe lui l'unico vero figlio di Newgate.

La cosa che più mi ha fatto ridere (a me, Usoppo) non è stato lui in sé, a dir la verità non lo trovo particolarmente interessante, ma un altro piccolo particolare.

Ricordate quando Oda disse che il settimo flottaro era colui che aveva tagliato il braccio a Zephyr e ucciso tutti i Marines della nave-scuola? Bene. Immaginatevi quel grassone che gli taglia il braccio. Decedo.
La riscostruzione dei fatti, più o meno.
Bando alle ciance, questo ridicolo personaggio potrebbe in realtà rivelarsi interessante. Come abbiamo anche precedentemente detto, ha già annientato sedici ex pirati di Pedobianco, e or ora si sta giusto recando da Marco "La Fenice". Quindi potenza notevole. Ma, cosa moooolto più interessante, sta cercando Barbanera, che ha ucciso suo padre ("padre").

A questo punto la domanda sorge spontanea. Se Luffy si trovasse davanti questo coso non esiterebbe a riempirlo di mazzate per aver perculato gli amici del fratello morto, ma bisognerebbe vedere cosa succederebbe se lo incontrasse mentre deve affrontare Teach. A quanto pare però il loro incontro sembra essere destinato ad essere molto a breve, visto che Weevil sta cercando il gommoso. Possibile che Luffy dovrà proteggere Wano dalla furia di questo cicciomerda?

Ma, ma, ma... Colpo di scena: Zou è, ironia della sorte, un elefante. Che "Zou" volesse proprio dire elefante lo sapevamo tutti, ma addirittura pensare ad un elefante di mille anni che si muove... ehi aspettate. *pensa pensa*... Mille anni significa che quando ci furono i 100 anni di vuoto lui stava già vagando per i mari! Sappiamo che i visoni, razza che vive proprio sul dorso dell'elefante, si sono isolati dagli esseri umani mille anni fa. Ma perchè?

Secondo me, più che attriti fra le razze stile "uomini pesce", si parlerà di qualcosa di molto molto importante.

Almeno questa è la mia speranza. Vorrei inoltre soffermarmi alla struttura dell'isola sul dorso. Possiamo vedere anche degli edifici alti quanto gli alberi. I visoni sono quindi esseri evoluti, ma questo era quasi ovvio, anche perché molte teorie più vecchie di noi ma molto credibili affermano da anni che Bepo e Pekoms siano appunto di quella razza.

Inoltre, visto che siamo ad ottobre, quanti capitoli mancano all'inizio di Wano? Le Action Figures erano previste per fine mese, quindi massimo 4/5 capitoli? Rimarranno a Zou giusto il tempo necessario per raccattare i compagni e andare? Ricordo (it's me, Black) che a inizio anno teorizzai Zou e Wano come prossimo arco narrativo paragonandoli alla Jaya e Skypiea del Pre-Timeskip. Se siete interessanti alla teoria completa, vi lascio QUI il link diretto al post, fatemi sapere cosa ne pensate (mi sembra di essere diventato Panda con i suoi articoli :v).

Inoltre vorremmo ringraziare un utente del nostro gruppo, che nel tentativo di diffamare Oda porta alla nostra attenzione questo interessantissimo particolare: Zou esiste davvero, anche se nella realtà è un ammasso di roccia. Come facciamo a capire che si tratta di una citazione? Proprio guardando l'immagine che vi proponiamo qui di fianco. Se vedete la scelta di oda è quella di mantenere scuri gli occhi, sia per dare un aspetto vissuto all'elefante sia per rifarsi alla Zou reale.

Giusto per completezza di informazione, non è il primo animale-isola in cui sbarcano i nostri pirati del cuore nell'universo ONE PIECE: infatti (per quanto non sia canonico) in "ONE PIECE: i misteri dell'isola meccanica" la ciurma approda su un tartarugozzo gigantesco. Se siete interessati anche alla controparte animata dell'opera è un film che non potete perdervi, in quanto incarna perfettamente lo spirito d'avventura e le stranezze del manga.




Inoltre, tornando a parlare del capitolo, dellimellow mi raccomanda di dirvi questa cosa: secondo lui è possibile che Raftel non si trovi perchè o non ha magnetismo, o addirittura sia un animale stile Zou, che è sott'acqua o in cielo.

A me sembra una cosa molto fantasiosa, però non è da scartare a priori anche perchè il buon Delli il 18 Novembre 2014 ci deliziava con questo post sui visoni e su Zou.


Clicca sull'immagine per ingrandire

Detto questo, penso sia arrivato il momento di terminare il commento. Volevamo prima portare alla vostra attenzione un'iniziativa di Sanji Black Leg, admin di OPF-Italia.

Ha ideato delle pagelle abbastanza ignoranti in cui troviamo dei voti dati ai vari personaggi in base al loro comportamento. Se siete interessati o quantomeno curiosi, cliccate qui per leggerle, vi assicuriamo che ne vale la pena.

Noi invece ci vediamo, se Ener vorrà, settimana prossima. Addio!

- Usoppo & Black -

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Come al solito commento dettagliato e ricco di particolari.. continuate così! Complimenti

    RispondiElimina